Home

Piero Pelù: «Salvini è un dittatore questa è la sua idea di democrazia»


[PODCAST]

Piero Pelù è intervenuto in diretta a Radio Sonica 90.7 in fm a Roma per parlare dell’emergenza Coronavirus e criticando pesantemente Matteo Salvini

I positivi al Coronavirus oggi aumentano di 880…

«Consideriamola una sorpresa di Pasqua però al tempo stesso credo derivi anche dalla quantità di tamponi fatti, mi sembra incredibile che i contagi a ieri fossero più di 4000 e oggi solo 880, però prendiamolo per buono, abbiamo veramente bisogno di buone notizie. Ce lo ricorderemo per tutta la vita questo periodo, però ora restiamo a casa, qui non si sta scherzando è una cosa serissima questo virus è un grandissimo figlio di puttana»

Questo virus è nemico di tutti e ci impone di stare isolati, tu come lo stai vivendo questo momento?

«Eccetto qualche rarissimo caso nessuna generazione precedente si è mai trovata in una situazione analoga, è un’emergenza planetaria, come può essere stata la Spagnola che fece 30 milioni di morti nel mondo, che sarebbe quello che probabilmente combinerebbe oggi il Covid-19 se scienza e medicina non si fossero evolute così in questo secolo. Nella sfortuna consideriamoci estremamente fortunati.
Per il resto l’impronta pesante dell’uomo sulla vita terrestre e i cambiamenti climatici scatenano l’esodo di milioni di esseri umani ed animali, tra cui i pipistrelli. La distruzione delle foreste, ovvero dell’habitat di milioni di esseri viventi non fanno altro che creare migrazioni forzate verso le città portando con sé il proprio bagaglio batteriologico e virale. A questo si aggiunge che per la cultura cinese è commestibile tutto ciò che ha almeno due zampe e si chiude il cerchio»

Secondo te impareremo da questa situazione a collaborare di più?

«Sono temi importantissimi, molte persone già hanno capito che bisogna operare un cambio di tendenza drastico, un impatto più contenuto dell’uomo. Speriamo che questa crisi possa farlo capire a molti altri.
Il problema restano le logiche economiche della parte più spietata, dei padroni del mondo. Se queste persone cambiassero mentalità cambierebbe anche il mondo, sennò dovrebbero essere tutte le classi subalterne a farlo capire. Non esalto nessun tipo di protesta ma i gilet gialli, in Francia, in sei mesi di scioperi hanno dimostrato di saper ottenere le cose»

In Italia c’è chi ci dice che serve un uomo forte per uscire da uqesta situazione, che ne pensi?

«Parlando ancora della Spagnola dalle ceneri di una grande guerra ed epidemia, spesso nascono dittature. Spero che gli Italiani abbiano la coscienza della nostra storia, così da evitare vecchi errori. Stiamo ancora pagando i danni fatti dal fascismo»

Quando Orban è stato messo nella condizione di diventare dittatore in Ungheria, Salvini ha citato la nazione stessa come un esempio di democrazia, deve farci pesare?

«Salvini è stato perfettamente coerente con la sua idea di democrazia, scritta tra virgolette, che appartiene solo ad un dittatore, alla Trump, Orban, Johnson. Non ci si poteva aspettare altro da Salvini è stato coerente in queste».

In: